logo
treni e merci sul corridoio 24 Genova-Rotterdam
BACK        TRENI     
 

 

leggi qui un altro racconto di viaggio su RoLa, da Duisburg a Alba con rotoli di carta, nel 2011

 

 

 

 

 

 

 

rola

 

Breve cronaca di un viaggio con l'Autostrada Viaggiante

ripreso da: Rivista Cargo di SBB n. 3/2009

autore: Kurt Metz

 

Le merci aeree viaggiano su rotaia.
Gli aerei europei sono troppo piccoli per trasportare merce su pallet all’interno delle loro fusoliere. Per questo motivo, le merci provenienti da oltreoceano attraversano il continente perlopiù su strada, attraverso la Svizzera anche su rotaia, grazie all’«autostrada viaggiante» (Rola) di RAlpin AG tra Friburgo in Brisgovia e Novara.

Francoforte, aeroporto Rhein-Main, cinque e trenta del mattino. Nei padiglioni merci si lavora già freneticamente. Le spedizioni arrivate durante la notte da tutto il mondo su mercantili cargo vengono raggruppate per la successiva distribuzione.

Dopo aver espletato le formalità per la sua corsa sostitutiva del trasporto aereo Lufthansa LH 7538, Karlheinz Fichtner carica il suo autoarticolato alla piattaforma mobile poco lontano dalla pista. In un autoarticolato da 18 metri trovano posto quattro pallet per merce aerotrasportata. Giù il telone: si parte per l’autostrada in direzione di Friburgo. I disponenti di Lufthansa Cargo e la ditta specializzata in trasporti aerei Georgi Transporte hanno prenotato delle aree fisse di sosta su una serie di «autostrade viaggianti» (Rola) da Friburgo in Brisgovia a Novara, per il traffico sostitutivo delle merci aerotrasportate attraverso le Alpi. Nel 2008 venivano effettuate, in media, cinquanta spedizioni alla settimana.

Coda solo sulla strada.
Nel terminal di Friburgo, Fichtner passa sulla bilancia: il suo autocarro non può pesare più di 44 tonnellate, e il profilo, l’altezza laterale, non può superare i 4 metri. Sale sul treno a passo d’uomo attraverso la rampa, fino a raggiungere la sua posizione direttamente dietro al vagone passeggeri. Scarica l’aria dalle sospensioni, ripiega l’antenna, posiziona dei cunei dietro le ruote e prende le sue cose per dormire. Si reca quindi nel vagone passeggeri con le cuccette e un’area soggiorno con cucina. Al check-in ha ricevuto due sandwich, una barretta al cioccolato e una bottiglia d’acqua. Il treno parte puntuale alle 13.23, in testa c’è una locomotiva di SBB Cargo Deutschland. È ora di ritirarsi nello scompartimento. Il tragitto a bordo della Rola è considerato tempo di riposo. All’arrivo a Novara, poco prima di mezzanotte, occorre proseguire senza indugi.

Attraversare le Alpi dormendo.
Mentre gli autisti riposano, a Weil am Rhein si cambia locomotiva e direzione. Ora è una macchina di BLS Cargo a trainare il treno fino a Domodossola. Attraverso il triangolo ferroviario a Basilea e Berna, la Rola evita le inversioni di marcia e raggiunge Frutigen quasi senza interruzioni. Qui si sostituisce il macchinista. Un margine di tempo consente di percorrere la galleria di base del Lötschberg esattamente al momento giusto. Fino all’apertura della più lunga galleria alpina dell’epoca, per attraversare le Alpi occorreva agganciare una seconda locomotiva, che oggi non serve più. A Domodossola una locomotiva di SBB Cargo Italia, adeguata ai sistemi italiani di corrente e sicurezza, assume il comando del treno.

Direttamente verso sud.
Per la distanza relativamente breve dal confine di Domodossola fino al terminal di arrivo a Novara, la Rola impiega ancora tre ore. La tratta è a binario unico e piena di curve, il che consente solo una velocità modesta. Fichtner scarica per primo il suo camion per merce aerotrasportata nel terminal costruito appositamente per l Rola, un po’ fuori città. Un ultimo cenno e riparte. All’alba arriva al centro logistico della ditta Freschi Schiavone, a Sesto Fiorentino. Qui scarica i suoi quattro pallet aerei. I singoli pacchi e pacchetti vengono recapitati su strada ai destinatari nell’Italia meridionale.

Copyright 2009  SBB Cargo

Riprodotto nel rispetto delle condizioni esposte nell'Impressum a pag.19 della Rivista Cargo

 

torna a capo

 

intermodale24-rail è un’attività professionale dello studio ing. Fulvio Quattroccolo p. i.v.a. 02168440044
  © 2009  ing. fulvio quattroccolo    international services: www.dominioweb.org   mappa del sito   contatti  note legali