logo
il portale per l'intermodalità strada-rotaia
HOME   SPECIALI      

 

DIE TASCHENWAGEN FAMILIE T1-T2-T3 FŰR KOMBILADUNGVERKEHR

THE POCKET WAGONS FAMILY T1-T2-T3

Nota: Questa pagina riporta i risulati di una piccola ricerca in corso, e grazie alla tipica flessibilità offerta da internet verrà continuamente integrata ogni volta che nuove e più precise informazioni potranno essere raccolte e verificate. Suggerisco quindi di controllare periodicamente gli aggiornamenti. Inoltre ringrazio tutti coloro che vorranno inviare notizie, dati, precisazioni e critiche alla mail u2@intermodale24-rail.net.

logo intermod24


DISPONIBILI I MODELLI H0 DEI CARRI T3
DA ADE/HOBBYTRADE

Hobbytrade

vagone tipo T1a di HUPAC
[seleziona per vedere l'immagine più grande]
 
vagone tipo T1a HUPAC fresco di revisione nel luglio 2009
[seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

 

Ringrazio Pietro Merlo per le preziose informazioni
sul Tipo 2 FS
e anche Rabb e Giuseppe

vagone tipo II di HUPAC da 18,04 m (foto Arnim von Herff)
[seleziona per vedere l'immagine più grande]
 
 
vagone T3 con piastre ribaltabili di ancoraggio in posizione fissa e carrelli di tipo svizzero
vagone T3 con piastre ribaltabili in parte scorrevoli su guide
vagone T3 immatricolato I-FS con ancoraggi tipo Novatrans e codificato P+C+N

 

 

 

vagone T3 speciale immatricolato
I-HUPAC, con codifica P+C

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SPECIALE 1: LA FAMIGLIA DEI CARRI A TASCA
T1-T2-T3 PER IL TRASPORTO COMBINATO
NON ACCOMPAGNATO

 

 

 

ultimo aggiornamento / Last update 02.09.2017
foto T3 polacco PKP Cargo

T1-diametroruote

 

 

 

 

 

 

 

tasca T1
particolare della tasca di un T1a

 

dettaglio tasca
dettaglio della tasca di un T2 FS

tasca T3
particolare della tasca di un T3

 

tasca T3 FS
dettaglio della tasca di un T3 FS
[seleziona per immagine grande]

codifica T3 FS
codifica di un T3 FS

codifica H
codifica speciale H

 
 
marcaturaCN

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per il trasporto su vagoni ferroviari di semirimorchi stradali senza la motrice, attraverso l'Europa, la UIC e i costruttori di materiale rotabile hanno sviluppato, a partire dai primi anni '70 del secolo scorso, diversi tipi di carri con piano di carico molto ribassato, caratterizzati da travature portanti in fiancata e telaio spezzato in parti e conformato nella sezione centrale come una bassa "tasca" o culla entro la quale appoggiare le ruote del mezzo stradale, caricato dall'alto con l'impiego di gru a portale o di grandi carrelli elevatori specificamente attrezzati.

In questo approfondimento ci occuperemo dei tipi più vecchi, simili fra loro per concezione tecnica, in buona parte ancora circolanti in tutta Europa: negli Hupac-Shuttle che percorrono il corridoio intermodale 24 ce ne sono di solito 3 o 4, e anche nelle composizioni IFB dal Belgio, e ancora forse anche di più lungo l'asse del Brennero.

Inoltre il tipo T1a costituisce il principale rappresentante di carro per trasporto semirimorchi nella produzione ferromodellistica, anche se in realtà, come vedremo, il suo uso è ormai in molti casi limitato a portacontainer.

Bisogna precisare comunque fin da ora che pur entro una serie di dati fissi relativi alle dimensioni di base, stabiliti dai riferimenti UIC, sono stati realizzati vagoni in un gran numero di varianti nei particolari costruttivi, sia secondo le amministrazioni committenti che secondo il costruttore o addirittura le sottoserie; le descrizioni che seguono sono riferite a vagoni osservati direttamente, e possono non valere per tutte le varianti.


TIPO T1 (T1a)

I primi carri vennero realizzati dal 1973 secondo una apposita fiche UIC (571-4) per un Carro a tasca unificato europeo, e classificati tipo T1. L'obiettivo era di ottenere un carro il più possibile leggero, considerando che il semirimorchio porta con se' già un notevole carico passivo dovuto al telaio e ruote. Perciò la lunghezza venne contenuta in 16,44 metri ai respingenti, con lunghezza utile carico di 14,45 ml, peso proprio di 16,5 t, piano di appoggio delle ruote del rimorchio a 33 cm. dal pdf, e furono utilizzati carrelli speciali ribassati tipo UIC Y31, con ruote del diametro di soli 730 mm anziché 920. Per consentire anche il carico di containers e casse mobili, i carri vennero dotati di piastre ribaltabili in acciaio con caviglie di ancoraggio, poste in modo da corrispondere a diverse dimensioni e combinazioni di carico.

 

L'interperno breve fra i carrelli e le ruote piccole hanno condizionato il limite di carico utile a max 33 (poi 37) ton, un livello che, se era adatto all'epoca del progetto, si è rivelato troppo basso rispetto al progredire della tecnica del trasporto su gomma, imponendo nel giro di un decennio la necessità di sviluppare un carro con caratteristiche superiori, che sarà chiamato T1b e poi T3. Comunque i carri T1a vennero costruiti in gran numero per molte compagnie ferroviarie europee.

 

Il carro tipo T1a si distingue abbastanza facilmente dagli altri tipi per l'altezza delle fiancate, di soli 55 cm., che gli conferisce un aspetto slanciato piuttosto elegante, e dalla presenza sulla parte alta delle fiancate stesse di tratti di guide tubolari, che permettono di far scorrere le caviglie ribaltabili per regolarne la posizione secondo necessità.

T1

Inoltre i lati della tasca sporgenti sotto le fiancate sono in costruzione aperta con telaio in vista. Oggi i T1a di Hupac e di altri operatori sono declassati a portacontainer [segnatura C], e Hupac ha reso inagibile la tasca con una barra di ferro di diametro 10 cm. posta di traverso e saldata alle fiancate. Altre compagnie come Trenitalia e DB li utilizzano ancora come in origine [segnatura P e C].

Vedere più avanti le condizioni di impiego attuali (2009).

HU-T1-revisionato

 

TIPO T2

I carri di tipo 2 rappresentano dei passaggi intermedi di sviluppo, costruiti in numero limitato di esemplari.

FS Italia fece realizzare 50 carri a tasca detti Tipo 2 negli anni 1984/85, con lunghezza di 17,29 ml, peso circa 20 ton, carico 50 (54)ton., altezza della tasca 27,5 cm.dal pdf, ruote diametro 840 mm.Vennero immatricolati come 459 1 000-039 e 459 1 900-909. L'aspetto generale del carro è simile a quello dei T3 italiani, con fiancate scatolate, diverse dallo standard UIC. La differenza più evidente all'occhio è la posizione del volantino laterale: si veda il confronto nei due schemi grafici

T2 FS lato

laterale del carro T2 FS

T3 FS lato

laterale del carro T3 FS

 

e nelle due foto a confronto (a sin. T2, a dex. T3) :

dettaglio T2dettaglio T3

In quella di sinistra (T2) si nota molto bene anche la boccola girevole Timken, una particolarità di questo tipo di carro.

Vedere più avanti le condizioni di impiego attuali (2009).

 

Hupac invece ha realizzato nel 1983 una serie di carri detti di Tipo II, che ha carrelli, ruote, altezza delle fiancate analoghe al T3, ma la lunghezza è di soli 18,04 metri (300mm. in meno dello standard), e condivide con la T1a la costruzione aperta dei lati della tasca con telaio in vista; ne esistono oltre 100 esemplari, oggi

T3cortoHupac

declassati a portacontainer con aggiunta di barra di occlusione della tasca [segnatura solo C] come i T1a (vedere più avanti le condizioni di impiego attuali). Non credo siano presenti anche presso altri proprietari.

 

TIPO T3

Lo sviluppo del successivo tipo di vagone per trasporto di semirimorchi, dal 1981, ha avuto come risultato più concreto il tipo dapprima detto T1b e poi T3. Di questo esistono diverse versioni costruttive, che hanno in comune la lunghezza di 18,34 ml ai respingenti, un peso di circa 20 ton, piano di appoggio delle ruote del rimorchio a soli 27 cm. dal pdf, lunghezza utile di carico 16,45 ml.

La maggior lunghezza è dovuta alla necessità di utilizzare carrelli standard Y25 con diametro delle ruote di 920 mm., per elevare il carico ammissibile fino a 69 ton. Rispetto al T1a, si distingue per l'altezza della trave di fiancata da 600 mm anziché 550 (con un po' di allenamento si nota a occhio la diffferenza) e per la diversa proporzione generale fra le parti dovuta alla maggior lunghezza di quasi 2 metri. Inoltre le caviglie ribaltabili hanno nella maggior parte dei casi posizioni fisse.

 

Il carro tipo T3, ha la tasca in costruzione lateralmente chiusa e con pianale basso di struttura molto diversa dal T1a, ed è tuttora utilizzato anche per il trasporto dei semirimorchi [segnatura P e C] di profilo e peso compatibile. Di questo ci sono molti sottotipi diversi, le cui differenze più evidenti riguardano la tipologia e la posizione degli attacchi delle caviglie ribaltabili di ancoraggio del carico, che possono essere fisse o scorrevoli su tratti di guide.

T3 hupac-1

 

T3 hupac-2

Inoltre le serie si distinguono anche per altre piccole differenze come tipo e posizione delle leve di selezione del freno, delle tabelle per i fogli di accompagnamento, a per specificità dei carrelli (alcuni carri Hupac hanno carrelli Y25 fucinati anziché saldati, di tipo svizzero).

 

Una variante con grosse differenze, fatta costruire da FS, anni 1988/1991, presenta un profilo laterale diverso dallo standard UIC, (vedi schema grafico riportato prima) in quanto nella parte centrale è stata adottata una tipologia di caviglie di ancoraggio a scomparsa e rinforzi speciali, come meglio mostrano le foto; sono codificati P+C+N, ove la compatibilità con i sistemi di fissaggio dei semirimorchi sviluppati dalla francese NOVATRANS, con fissaggio anteriore del semirimorchio mediante blocchi d'angolo anziché l'usuale selletta.T3-FS

 

Alcuni carri sono stati acquisiti da HUPAC (marcatura I-HUPAC), ma sono codificati solo P+C. T3 FS

Ancora un carro T3 tipo FS in uso a HUPAC ma immatricolato I -TI , visto dal lato opposto con in evidenza le condotte del freno in fiancata:

T3 tipo FS

Lavorgo, 24.08.2012; foto: R.Portalupi   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

Anche questa versione dei T3 ha la tasca con i fianchi in costruzione chiusa.

Alcuni carri hanno una codifica aggiuntiva H riconosciuta solo da alcune amministrazioni (nel caso visto: OBB, DB, FS), che indica la possibilità di caricare rimorchi che utilizzano i perni e blocchi d'angolo anche nella parte posteriore come fissaggio, anziché l'appoggio delle ruote nella tasca. In realtà si tratta di un sistema rimasto allo stato sperimentale e privo di una applicazione diffusa, perché la costruzione del semirimorchio diventava troppo specifica.

 

Confronto

Nell'immagine che segue la differenza ottica fra il T1b (davanti) e il T1a (dietro) è evidente: sia nell'altezza delle fiancate che nel rapporto di lunghezza con lo stesso container da 45'.

 

T1a+T1b

 

Anche in quest'altra immagine di un T3 e un T1a di FS è evidente la differente altezza della fiancata; inoltre si può apprezzare il disegno particolare del T3 FS.

FS T3+T1a

(foto courtesy of Markus Tigges; fra Karlsruhe e Mannheim)

MODIFICHE E ESPERIMENTI

Alcuni carri sono stati oggetto di modifiche e di esperimenti che hanno avuto più o meno seguito.

 

Ad aprile 2010 mi sono imbattuto in un T1a di FS (accantonato a Moncalieri [TO] per problemi all'impianto frenante) "allungato" e con la pedana dal lato opposto rispetto alla selletta.

Si tratta del carro immatricolato 31 83 458 9 872-6, costruito da Costamasnaga nel 1981.

L'allungamento, 25 cm. da 16,44 a 16,69 ml., è stato ottenuto prolungando il supporto dei respingenti dal lato ove è stata montata la balaustrina, ed credo sia servito proprio per poter realizzare una pedana più ampia e scalini più comodi; probabilmente si è trattato di un intervento per migliorare la sicurezza nell'uso del carro. Il peso è salito da 16,1 a 16,4 ton. Non so se si tratti di un esperimento isolato o se sia stato esteso ad altri carri.

Nella foto si vede molto bene il lato selletta senza balaustrina:

T1a lungo FS

  [seleziona per vedere l'immagine più grande]

e qui invece la nuova più ampia pedana e balaustra:

pedana T1a lungo FS

 

 

CONDIZIONI DI IMPIEGO ATTUALI (estate 2009 + aggiornamenti seguenti)

Nonostante molti carri dei tipi più vecchi siano stati ritirati dal servizio, e per il trasporto dei semirimorchi siano utilizzati soprattutto vagoni di maggior portata come i T4.0, T4.1, T4.2 e T5 di Hupac, o i carri doppi T2000 e Sdggnrs di AAEC ed altri, i T1 e T3 sono ancora presenti nelle composizioni che attraversano l'Europa, immessi da quasi tutte le società di gestione.
La lunghezza dei T1a li rende molto adatti al trasporto di containers da 45', anche High-Cube: sono un po' troppo pesanti come tara, ma hanno il vantaggio di non richiedere nuove spese di acquisto.... I T1b si adattano bene al trasporto delle casse mobili C745 a coppie, e con il carico ammissibile di 69 ton. sono al livello massimo per i semirimorchi: hanno solo limitazioni dimensionali rispetto ai tipi più recenti.

Qui di seguito presento alcune notizie sui carri delle imprese di trasporto che si incontrano sulle linee sud del corridoio 24.

 

Trenitalia Cargo

Il catalogo on-line dei carri offerti da TI-Cargo comprende tuttora (ottobre 2009) sia il T1 (Sdgkkmss) che il T3 (Sdgmnss) anche per il trasporto dei semirimorchi (codifica C+P+N). L'immagine mostra un T1a, in un gruppo di tre, in composizione a un TC in servizio interno in arrivo da sud a Novara Boschetto, il 10 luglio 2009.

 

T1a_FS_2009

 

La doppia marcatura (C+P) si vede benissimo, e insieme alla presenza del volantino laterale per il posizionamento della selletta di supporto del rimorchio e della ralla stessa attesta l'utilizzabilità del carro come in origine. Peccato che il treno fosse carico solo al 40% e che tutti i cinque T1 presenti (su 21 carri) fossero vuoti. La vista mette bene in risalto il profilo slanciato della fiancata.

Nelle composizioni del gruppo FS i T1a sono ancora ben rappresentati: anche in questo TC ripreso il 18 luglio 2009 a Romano di Lombardia diretto a est c'erano cinque T1a su 24 carri, tutti carichi di soli containers: nella foto se ne vedono tre.

 

T1aFS_RomanoLomb

 

I tipo T3 marcati C+P+N sono presenti anche, qualche volta, nelle composizioni degli Shuttle Hupac sul corridoio 24 (treni che infatti sono offerti anche sull'orario delle relazioni CEMAT), come illustrato quattro foto sopra. Entrambi i tipi sono autorizzati a 120 km/h anche con carico. Il Tipo T2 (Sdgmss) non è più presente nel catalogo dei carri di Trenitalia Cargo, ma è utilizzato da Cemat su noleggio.

 

Hupac

Come si è già detto, i T1a e anche i Tipo II di Hupac sono stati declassati a portacontainer [codifica solo C], e la tasca è stata resa inagibile con una barra di ferro a sezione circolare di 10 cm. posta di traverso e saldata alle fiancate; inoltre sono stati eliminati la selletta e tutta la cremagliera di posizionamento compreso il volantino esterno.

 

T1HU_1T1HU_2

 

T1HU_3T1HU_4

 

In alcuni casi sono stati smontati anche la passerella di testata con i relativi scalini e il parapetto. Questi due tipi di carri, anche se di dimensioni completamente diverse, sono classificati con numeri di servizio simili 475 4 xxx , che peraltro comprende anche carri ancora utilizzati per i semirimorchi, di tipo T3.

 

I carri tipo T3 con tasca chiusa invece sono ancora tutti usati anche per i semirimorchi, (codifica C e P) come in questo caso con il TEC 43661 del 6 maggio 2009 ripreso a Momo (NO).

 

T3HU_SAnh

 

La presenza dei T1 e T3 nelle composizioni è comunque residuale, solitamente ce ne sono uno o due, qualche volta anche fino a quattro-cinque, su un totale normale di 28 carri.

3xT3HU_Koeln

Gruppo di tre carri a tasca T3 in un TEC Hupac Shuttle a Koeln West il 18 aprile 2009 (foto: Arne Schuessler)

T1 e T3 per il trasporto di containers da 45' continuano ad essere usati da Hupac anche nel 2017, come in questa foto (di W. Mauser) ripresa il 22.06.2017 a Wiesental: T1 in prima posizione, T3 dietro (clicca sulla foto per vedere il treno completo)

.

 

 

Vagoni belgi TRW

I vagoni belgi fanno capo a TRW (Transports Route-Wagon), una sussidiaria di B-Cargo alla quale recentemente è stato affidata la gestione del parco carri, e nei treni da Antwerpen, Oostende e altri terminali belgi si possono vedere quasi sempre dei T1a in un caratteristico colore blu turchese (sotto lo sporco!), anche in gruppi.

Sono codificati C e N, e quindi possono portare anche i semirimorchi ma solo se omologati per il sistema Novatrans; infatti questi vagoni non hanno la selletta di appoggio del perno, ma il fissaggio anteriore del semirimorchio deve avvenire utilizzando blocchi d'angolo analoghi a quelli delle casse mobili.

 

T1_TRW-1

Questo T1a è stato fotografato a Arona il 19.09.2008, in un gruppo di tre, in un treno proveniente dal nord.

 

TRW-T1

Quest'altro invece, ripreso in transito veloce attraverso la stazione di Premosello il 29.05.2009, mostra nei ritocchi di pittura il colore particolare dei vagoni belgi di TRW.

 

T1a TRW con DHL

In questo treno in partenza da Novara il 24.06.2010 erano presenti numerosi T1a di TRW, molti caricati con semirimorchi DHL compatibili con il sistema Novatrans.

 

marchioTRWsuT1a

Anche il marchio applicato sulle fiancate è piuttosto particolare. [seleziona per vedere il vagone intero]

 

 

DB - Deutsche Bahn

Premesso che la liberalizzazione dell'accesso alla rete ferroviaria in Germania è molto avanzata e che le imprese di trasporto merci sono numrose e in continuo mutamento di assetto, comprese le diverse branche originate dalla vecchia DB monopolista, e che al momento il gestore merci DB si chiama SCHENKER-DB logistics, ma che ci sono vagoni per il trasporto intermodale marcati sia DB che Kombiverkehr che Kombiwaggon che in qualche modo fanno capo a Deutsche Bahn, possiamo dire dalle notizie in rete e dall'osservazione diretta che:

- il catalogo on-line di DB SCHENKER offre il tipo T3 classificato Sdgmns 743

- la descrizione dei vagoni sul sito Kombiwerkehr comprende sia il T1a che il T3

- ho potuto osservare il 29 luglio in un treno Hangartner in partenza da Domodossola un carro T1a marcato DB-AG (classificazione: Sdgkms 707), caricato con un semirimorchio: il che dimostra che anche i tedeschi usano ancora i T1a come in origine, per gli automezzi di dimensione e peso compatibile:

 

DB-T1_2009

 

Tuttavia i vagoni DB sono relativamente poco utilizzati nelle composizioni che si spingono oltre Domodossola verso Novara.

 

Sono invece molto usati sulla linea via Brennero: in questa insteressante foto un treno Winner Spedition ripreso il 02.04.2010, composto quasi completamente da T1a con semirimorchi e, verso il fondo, un paio di Sgnss con casse mobili:

treno Winner con T1a

foto: Fabio Miotto   [seleziona per vedere l'immagine più grande]


Questa è una composizione del Winner parcheggiata a Piacenza (17.04.2012), sempre con moltissimi T1a e un Sgnss:

winner 2

foto: Fulvio Quattroccolo   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

Per documentazione riporto questo dettaglio di un T1a DB (26.09.2008) da cui si vede la codifica P e C e la autorizzazione a viaggiare, vuoto, fino a 120 km/h.

dettaglio T1a DB

(foto : FotoBahn.de , un repertorio di migliaia di immagini molto interessanti).

 

Qui di seguito un carro T3 di DB Schenker.

T3-DB

 

Un T3 tedesco in livrea kombiwaggon:

T3_kombiwaggon

foto: courtesy of Jan Lundstrøm   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

Un altro T3 DB in livrea rossa, ad Oberhausen West il 22.05.2010:

T3_kombiwaggon

foto: www.goederenwagens.nl   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

 

SNCF - Vagoni francesi di Novatrans

I vagoni francesi circolano come Novatrans, società che da anni si occupa dell'intermodalità in Francia. I T1a si vedono spesso sui treni della linea del Frejus, fino a Torino e a Novara.

Sono codificati C e N, e quindi possono portare anche i semirimorchi ma solo se omologati per il sistema Novatrans; infatti questi vagoni non hanno la selletta di appoggio del perno, ma il fissaggio anteriore del semirimorchio deve avvenire utilizzando blocchi d'angolo analoghi a quelli delle casse mobili.

dettaglio marcatura sncf

 

dettaglio 2 sncf

 

La foto mostra un T1a in una composizione in sosta a Novara Boschetto nel novembre 2009.

T1a NOVATRANS

[seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

Carri a noleggio di AAE

Nel 1994-95 AAE, il consociuto noleggiatore di carri, ha ordinato una serie di 200 carri T3, destinati ad essere utilizzati dai principali operatori europei.

Ne sono state realizzate due varianti che differiscono in alcuni dettagli relativi agli schemi di carico.

T3 AAE

foto: Jonas Stibro, 2006

Oggi questi carri non figurano nel catalogo online della AAE, ma sono tuttora in circolazione in tutto il continente, anche se poco riconoscibili per via della coloritura analoga a quella di DB, ÖBB, ecc. Sono stati utilizzati sicuramente da Intercontainer-Interfrigo, l'operatore partecipato da gran parte delle Ferrovie Europee, che è stato recentemente posto in liquidazione ed ha ceduto le attività ad altri soggetti subentranti.

T3 AAE

foto: Jan Lundstrøm, 2009

Ecco dei carri T3 di AAE in Italia: inseriti nella composizione del treno Shuttlewise Mortara-Krefeld insieme a carri T2000. Nella foto una delle due unità viste a Mortara l' 11.12.2014 (i tankcontainers sono caricati su altri carri retrostanti). Seleziona l'immagine per vedere la foto in grande formato con marcature leggibili.

foto Fulvio Quattroccolo. Dicembre 2014

 

PKP Cargo - Ferrovie polacche

Una foto pubblicata su bahnsichtungen.net documenta nel 2017 carri T3 immatricolati da PKP Cargo, la compagnia merci delle ferrovie statali polacche. Livrea grigia con mancorrenti bianchi. Marcatura del carro: Sdgmnss. Ripreso in composizione in transito a Berlino il 23.08.2017. Seleziona l'immagine per vedere la foto in grande formato con marcature leggibili.

 

 

 

I PAESI SCANDINAVI

a cura di Jan Lundstrøm , traduzione dall'inglese e adattamento di Fulvio Quattroccolo. Ringrazio anche Jonas Stibro

ponte grande belt

Un treno intermodale ripreso sul ponte strada-ferrovia sul Great Belt

12.08.2009 - foto Anna Lia Quattroccolo

 

Nei paesi scandinavi solo DSB (Danimarca) e SJ (Svezia) si sono dotati di carri a tasca, e solo del tipo T3. Credo che in Norvegia, fino a tempi recenti, la sagoma limite non permettesse il trasporto di semirimorchi.

 

Tutti i 50 carri T3 Sdgmns di DSB sono stati però ora ritirati, anche se erano in regola con lo stadard UIC e avrebbero potuto essere usati ancora per molti anni.

T3-DSB

foto: courtesy of Jan Lundstrøm   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

Alcuni di essi sono stati privati della selletta e sono usati per trasporto di containers speciali nel "Beer Express" per la birreria Carlsberg - la marcatura è stata modificata in Sgmms-u, come quello dell'immagine qui sotto.

T3-DSB

foto: courtesy of Jonas Stibro   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

Per SJ i costruttori svedesi fornirono 520 vagoni del tipo Sdgmns 832, seguiti da ulteriori 200 carri modificati tipo Sdgmns 833 di costruzione Waggonbau Niesky. La maggior parte di essi è ancora in servizio per il trasporto di semirimorchi.

Tutto il parco venne conferito al settore trasporto combinato svedese Rail Combi, e quando questa società venne fusa con la norvegese CargoNet anche i carrri divennero CargoNet.

T3-832-Cargonet

T3 Sdgmns 832 di CargoNet - 29.11.2009

foto: courtesy of Jonas Stibro   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

Tuttavia l'utilizzazione dei T3 si è poi ridotta, sia a causa della crisi economica, sia perché CargoNet ha dapprima noleggiato (da AAE) e in seguito acquisito molti carri più moderni del tipo T2000.

Recentemente Green Cargo [compagnia svedese dello Stato di logistica e trasporti, oggi separata da SJ] ha provato a entrare di nuovo del settore intermodale, in concorrenza con CargoNet. Questa ha reso 200 carri Sdgms a Green Cargo, che ha anche acquistato 150 T2000 e noleggiato 50 carri articolati Twin da AAE.

T3-833_GreenCargo

T3 Sdgmns 833 di Green Cargo

foto: courtesy of Jonas Stibro   [seleziona per vedere l'immagine più grande]

 

Il progetto di Green Cargo si è rivelato però fallimentare e la maggior parte dei vagoni restano per ora inutilizzati in Svezia e quelli a nolo saranno restituiti a AAE.

 

 

 

 

Se qualche utente del sito dispone di altre informazioni, anche sull'uso dei T1 e T3 da parte di altre imprese (ÖBB, ecc.) e vuole collaborare inviandole a info@intermodale24-rail.net per completare questa sezione, sarà graditissimo.

 

If some foreign friend knows something more about present uses of T1 and T3 as forwarded by OeBB, etc, would be very welcome when sharing informations to info@intermodale24-rail.net to complete this section.

 

 

 

I CARRI A TASCA T1a, T1b-T3 IN SCALA HO

 

Purtroppo per mancanza di tempo questa sezione dovrà essere trattata più avanti.

In prima sintesi ritengo che nessuno dei due modelli proposti (da Märklin/Trix e da Roco) risponde al 100% alla riproduzione in scala 1/87 dell'originale T1a.

Tuttavia lo stampo migliore, come proporzione generale e dettaglio, salvo qualche scarto in alcuni punti, è quello di Märklin, che però dovrebbe essere proposto solo per il trasporto di Semirimorchi (escluso naturalmente il modello Hupac!) e di containers da 40' e 45' (con modifiche alla posizione delle caviglie), dal momento che le caviglie ribaltabili intermedie sono riprodotte nello stampo stesso in posizione aperta.

Manca però di qualche dettaglio aggiuntivo anche importante, presente invece nel Roco, come ad esempio il cavalletto all'estremità posteriore della tasca.

 

Il tipo T3 è stato finalmente (dicembre 2012) prodotto da Hobbytrade, inizialmente nelle versioni DB, e nei prossimi mesi in molte versioni e numerazioni fra cui la HUPAC.

Richiedere informazioni a intermod24 webshop.

 

torna a capo

intermodale24-rail è un’attività professionale dello studio ing. Fulvio Quattroccolo p. i.v.a. 02168440044
  © 2009-2012  ing. fulvio quattroccolo    international services: www.dominioweb.org   mappa del sito   contatti  note legali