.
logo

il portale per l'intermodalità strada-rotaia

HOME        LOGISTICA     
 

L'efficienza della supply chain nell'industria alimentare

I materiali di supporto utilizzati dai relatori al convegno sono scaricabili dal sito dell'evento, nella sezione AGENDA

cliccando sul titolo di ciascun intervento e poi su Documenti presentazione

 

  Leggi articolo di commento a fine lavori sul sito di Logistica Management
VAI AI COMUNICATI STAMPA >>>>

 

 

 

L'efficienza della supply chain nell'industria alimentare

Dal campo alla tavola: l'origine degli alimenti e il loro viaggio nella supply chain

Milano, 12 novembre 2014

Avere una filiera alimentare certificata significa garantire un prodotto di qualità che, per essere definito tale, non deve subire alterazioni dal punto di vista organolettico durante le fasi di trasformazione. In altri termini: è necessario garantire la corretta conservazione del prodotto lungo tutta la supply chian. Per ottenere ciò, è necessario affiancare ai processi industriali dei servizi di logistica adeguati, in grado di ottimizzare la gestione e la movimentazione della merce, dalla produzione alla distribuzione. Oggi infatti, le aziende, alla ricerca di performance sempre migliori, chiedono alla logistica di assumere un ruolo ancora più centrale che in passato, coordinando non solo le varie attività della filiera per ridurne gli sprechi, ma anche di accorciare la supply chain attraverso lo scambio tempestivo delle informazioni tra i vari attori che in essa operano.

Queste, in sintesi, saranno le tematiche che verranno analizzate nel corso della prima edizione di TRACE.ID FOOD (www.trace-id.eu), la giornata che Editrice TeMi, con le riviste LOGISTICA Management e DATACollection e  in collaborazione con Assologistica, ha scelto di dedicare all'industria agro-alimentare analizzandola da un triplice punto di vista, logistica, tracciabilità e tecnologia, attraverso un'agenda fitta di testimonianze aziendali e riflessioni accademiche che avranno luogo in data 12 novembre 2014 a Milano.
L'evento che prevede anche un'area espositiva sarà l'occasione di incontri con esperti del settore, i quali presenteranno casi di successo recentemente implementati.

Diverse  le adesioni in veste di sponsor per questa prima edizione di TRACE.ID FOOD, tra cui Vanderlande, azienda specializzata in impianti automatici di material handling, che sarà il gold sponsor dell'evento con un testimonial d'eccezione del panorama della GDO internazionale. Anche Capgemini BS ( con il caso GRANDI SALUMIFICI ITALIANI) presenzierà, insieme a Generix Group, Propagroup e Vocollect   in qualità di silver sponsor. Infine, Ase, Itworks (VO-CE) Knapp, OM Still, Zebra e Zeroquattro, quest'ultimo operatore logistico per Granarolo, sono bronze sponsor dell'evento.

Il punto di vista dell'industria si confronterà infine con le riflessioni del mondo accademico grazie agli interventi dei docenti della SDA Bocconi – School of Management, Vittoria Veronesi , Vitaliano Fiorillo, e Andrea Antognazza che ci parlerà del caso MUTTI e  tratterà il tema di come  le industrie di trasformazione ( conserve, succhi di frutta..) possono coniugare la massima efficienza degli impianti con una supply chain frammentata e anche fatta di piccoli produttori. Andrea Ausili, Data and Innovation Manager di Indicod ECR, presenterà invece  gli  strumenti elaborati da GS1 e I potenziali sviluppi anche verso il mondo digitale, per rispondere con efficacia ai crescenti stimoli del mondo del food, incubatore di una quantità infinita di dati e informazioni che vanno identificati,  analizzati ed infine trasformati in valore per le aziende.

 

Il binomio sicurezza e tracciabililtà nella filiera del Food

Comunicato Stampa 17.10.14

A fronte di una crescita esponenziale del fabbisogno alimentare mondiale, alle tecniche di
agricoltura e allevamento tradizionali sono state affiancate da tempo anche quelle “intensive” che,
grazie all'impiego di macchinari e sostanze di origine industriale, hanno potuto garantire un livello
di produzione più elevato che in passato.

Tali cambiamenti all'interno della filiera, hanno portato alla richiesta di maggiori garanzie
sull'origine e la “storia” dei prodotti che consumiamo sulle nostre tavole, frutto di una produzione
alimentare e industriale del cibo che, per essere certificata, deve porre la sicurezza dei processi al
centro delle strategie aziendali di chi opera nel settore.

Effettuare rigidi controlli lungo tutta la filiera, a partire dalla raccolta delle materie prime fino alla
distribuzione del prodotto finito, significa anche tracciare i diversi passaggi affrontati dagli alimenti
prima di giungere al consumatore finale e, in caso di verifiche, poter rintracciare l'origine degli
ingredienti e la composizione delle sostanze impiegate nei processi di trasformazione di cibi e
bevande. Inoltre, avere una filiera certificata significa offrire al consumatore un prodotto di qualità,
garantendone la corretta conservazione del prodotto lungo tutta la supply chain.

Per ottenere tutto questo, è necessario affiancare ai processi industriali dei servizi e delle soluzioni
di logistica adeguati, in grado di ottimizzare la gestione e la movimentazione della merce, dalla
produzione alla distribuzione. Oggi infatti, le aziende, alla ricerca di livelli di performance sempre
più elevati, chiedono agli operatori logistici di assumere un ruolo ancora più rilevante rispetto a
prima, coordinando al meglio servizi e risorse per ridurre gli sprechi, ma anche accorciando la
supply chain grazie allo scambio tempestivo delle informazioni attraverso il supporto di adeguate
tecnologie sia hardware che software.

Tali tematiche verranno approfondite il 12 novembre a Milano, nel corso della prima edizione di
Trace.ID Food (www.trace-id.eu), il convegno con esposizione che Editrice TeMi dedica
all'industria alimentare, analizzandola da un triplice punto di vista: logistica, tracciabilità e
tecnologia. Oltre ad interessanti spunti sulle prossime evoluzioni del settore, il Trace.ID Food
offrirà ai partecipanti la possibilità di avere incontri one to one con le aziende fornitrici di soluzioni
per la logistica e il supply chain management che saranno presenti con un proprio stand nell'area
espositiva. Tra queste, ci saranno anche Capgemini BS con le sue soluzioni ad alto contenuto
tecnologico per la cold chain alimentare, nella quale la temperatura controllata gioca un ruolo
determinante per corretta conservazione dei cibi, Generix Group con il proprio software per la
tracciabilità e l'ottimizzazione dei costi logistici, Propagroup con i suoi sistemi di assorbimento e
di regolazione dell'umidità all'interno di imballi e container la corretta conservazione dei prodotti
lungo tutta la filiera, oltre a Vocollect e alle sue soluzioni per un magazzino voice-centrico.

LINK A TUTTI I COMUNICATI STAMPA >>>>

SAVE THE DATE
– 12 novembre 2014, Milano Hotel Michelangelo: Trace.ID Food - Prima edizione
– Organizzatore: Editrice TeMi con le riviste LOGISTICA Management e DATACollection.
– Ingresso gratuito fino a esaurimento posti e previa registrazione sul sito  www.trace-id.eu

 

 

torna a capo

intermodale24-rail è un’attività professionale dello studio ing. Fulvio Quattroccolo p. i.v.a. 02168440044
  © 2013  ing. fulvio quattroccolo    international services: www.dominioweb.org   mappa del sito   contatti  note legali